BLOG APERTO A TUTTI!!

"El Cor" - Foto di Danilo Benvegnu'' -

AGNER e DINTORNI , vuole essere uno spazio a disposizione di abitanti e frequentatori di questi luoghi.
Ovviamente questo vale anche per associazioni, amministratori locali e per tutti coloro abbiano da proporre tematiche inerenti l'Agordino.
E sopratutto vogliano promuovere tante lodevoli iniziative spesso note ai soli abitanti del paese in cui si svolgono!

Inviateci tramite e-mail il programma di quanto organizzate, con molto piacere, sarà inserito quanto prima su Agner & Dintorni..


domenica 11 marzo 2012

PRESENTATO IL LIBRO AGORDINI A KOSSEIR

Fonte: yuotube.it

Un pubblico numeroso e attento ha seguito lo scorso 24 febbraio, presso la sede dell'Abm a Belluno, la presentazione del libro "Agordini a Kosseir", opera del compianto Ildo Pellegrini, che narra le vicende di una comunità di emigranti agordini occupati, dal 1912 al 1963, nell'estrazione di fosfati nelle miniere di Kosseir, in Egitto. Una comunità che si è fatta onore, unita e laboriosa, con una scuola italiana frequentata anche dai locali e una chiesa, copia fedele di quella di Taibon, a testimoniare il profondo legame con la terra d'origine.
Dopo il saluto di Ester Riposi, presidente della Biblioteca dell'emigrazione che ha organizzato l'evento, il volume è stato presentato da Dino Bridda, che ha inquadrato storicamente la vicenda di cui finora poco si sapeva, e dalla vedova dell'autore, Renza Pellegrini, che ha commentato numerose e significative immagini del libro ed ha evidenziato il clima di rispettosa convivenza che si era venuto a creare tra la comunità locale e quella agordina.
Ha concluso l'incontro la vicepresidente dell'Abm Patrizia Burigo che ha sottolineato l'originalità di questa straordinaria pagina dell'emigrazione bellunese nell'Africa mediterranea e la doverosa memoria che ne è stata tributata.



2 commenti:

  1. Avevo visto la mostra sugli Agordini a Kosseyr tre o quattro anni fa presso il museo mineralogico di Agordo assieme a degli amici uno dei quali aveva avuto uno zio a Kosseyr. La ricordo come una bellissima mostra e il sig. Pellegrini, gentilissimo, ci aveva fatto da guida. La pubblicazione di un libro sull'argomento mi sembra una logica e doverosa conseguenza.
    Saluti
    Giorgio Casera

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina