BLOG APERTO A TUTTI!!

"El Cor" - Foto di Danilo Benvegnu'' -

AGNER e DINTORNI , vuole essere uno spazio a disposizione di abitanti e frequentatori di questi luoghi.
Ovviamente questo vale anche per associazioni, amministratori locali e per tutti coloro abbiano da proporre tematiche inerenti l'Agordino.
E sopratutto vogliano promuovere tante lodevoli iniziative spesso note ai soli abitanti del paese in cui si svolgono!

Inviateci tramite e-mail il programma di quanto organizzate, con molto piacere, sarà inserito quanto prima su Agner & Dintorni..


lunedì 25 marzo 2013

MONTREUX VIEUX NEL CUORE


Di Gabriele Riva

              

 

Caro diario,
adesso che è sera sto ripensando alla lunga giornata appena trascorsa qui a Montreux Vieux.

Alla corsa mattutina, sotto la pioggia, lungo il canale che arriva alla chiusa, alla colazione preparata dai coniugi Beauseigneur che ci ospitano in questi tre giorni. Penso alle prove per lo spettacolo fatte alla Sala delle Feste e allo spettacolo stesso messo in scena nell’ex Tempio protestante, ora Sala delle Associazioni. Penso ai tanti che ci hanno applaudito, che si sono emozionati, che si sono commossi. Rivedo i visi degli italiani, ora cittadini francesi, che ci osservano ballare con lo sguardo ma che con la memoria ritornano alla loro gioventù quando attorno a loro svettavano le Dolomiti e si parlava dialetto. Adesso che è sera vedo l’allegria malinconica di tutte le famiglie di questo paesino dell’Alsazia che hanno preso a cuore il nostro, che ora è loro fratello gemello.

Li vedo mangiare con noi al pranzo ufficiale di questa nostra terza visita spensierati e allegri, ma con il rammarico di chi vede vicina la nostra partenza, l’indomani mattina.

Questa sera faremo l’ultima cena, ognuno con la propria famiglia gemella. Parleremo della giornata appena trascorsa, della visita a Strasburgo del giorno prima, della loro prossima visita in terra italiana. Rideremo di quanto non siamo riusciti a capirci perché l’uno non parla la lingua dell’altro, ma anche di quanto l’intesa non arrivi solo con le parole ma come basti un minimo sguardo o un cenno.




Questa edizione del gemellaggio Voltago-Montreux Vieux è rimarrà nel cuore di molti, anche dei componenti del gruppo folk, chiamati lì per aprire la Settimana della Cultura organizzata dalla municipalità locale, che visitavano il paesino francese per la prima volta. I loro commenti più frequenti dicevano di sorpresa per un’esperienza così inaspettatamente positiva sotto il profilo umano, parlavano di meraviglia per la semplicità e la disponibilità dimostrata dalle famiglie d’Oltralpe e anche di grande soddisfazione per quanto fatto, visto e trascorso.

CLICCARE SULL'IMMAGINE PER VISUALIZZARE ESTESA
Questo è “l’effetto gemellaggio”: riportare a casa una valigia colma di forti emozioni, di bei ricordi ma soprattutto di buoni propositi per rivivere di nuovo questa esperienza unica.

Sarà altrettanto emozionante rivedere, speriamo presto, i Montreuxvieuxiani ospiti nelle nostre case per fargli rivivere le nostre stesse emozioni.

Gabriele

domenica 17 marzo 2013

QUESTIONARIO SULLE DOLOMITI

Grazie alla segnalazione di Maya, che facciamo nostra... avvisiamo che se volete impegnare 5  minuti del vostro tempo, è online un interessante questionario sulle DOLOMITI e l'UNESCO e alla fine potete dire anche la vostra.....



Cliccare QUI per visualizzare il questionario

CELEBRAZIONI SETTIMANA SANTA PARROCCHIE DI VOLTAGO E FRASSENE'

Per visualizzare in maniera estesa cliccare sull'immagine

mercoledì 13 marzo 2013

PASKA

PASKA


di Attilio Pietrogiovanna


Adess la e’ alta o bassa,na olta no se ghe fea caso,e la ndea ben istes,
el ton el se desedea,e l’aria pi tepida, la ne parea verso la bona staion.

Se sbianchedea co la kalthina, kusina e kaminatha, le altre stanthe pi da rostogn,
Se netea : la busa del trala, e se spandea tut per i pra’,
la fornela, thercoi e tubi.
Se spathea con quattro rame de peth ligade insieme,
i kamin incuthignadi dal kalidem, che noi ciapese foc .
Co la sabbia fina,farina da polenta el aseo,
se lustrea i seci, cathot, scuglier ,piroi e padele.

La cadena del larin da lustra’…strasinada per la strada ingiarada, el brandol de fora,
Brenta e lavatoio netadi polito col broschin.
Col restel se curea i pra… solvere, sas, ram, e tut el stram do per la val,
calche stangada e termen bisognea cambiali.

Rivea i conthe su per le Caorere,i tornea a casa, la staion la era finida,
I veci i se fea el beerot co le ortighe.

Campane ligade… sgree ai boce, batole ai pi grandi ,
ala funthion calche colpo el scampea,
e …al santus se sonea al posto del campanel,
e fini’ la funthion, in te cesa e de fora:come na catha selvarega.

Vof piturai con le skuse delle theole o ortiche,
chei de pepola l’era i pi bei,
fora de cesa, su per el kanton del mur se ghe tirea con thinquanta franchi.
La mare la metea sot coca.

Se portea a casa el olif… anca per benedi’ i mort,
kalchedun nol ghe l’aea fata a pasa’ fora l’invern.

Se dughea…marmoline, , kuk, matha al bot, thercol,
salta museta e pi tardi a bala buseta.
Strasegne che ndea di’ e not, e sot, el kaldrol da polenta el se netea.

Se metea ia le galofe, dalmede, sabo’ e se tirea fora i skarpet
Si … i skarpet novi , braghe curte e la britola inte skarsela,
co le pole de sales se fea i subiot ,pi tardi el fea i gatoi.

Se portea a casa le ultime legne,e se preparea le arte per i laori dei camp.
En car coi kavai el menea ia le gremene dal tason de le taie.
Se portea la grasa col darlin in tei camp, prima de fraca’ do’ e semena’ patate e sork.
Le piante le skominthiea a buta’ e se katea i primi radici.

El diegol el avaria abu’ goia de ghirlande , ma l’era bonora…
El melester el ndea in amor, le sake no le cenia..
El stradin el netea tutti i tombin,kunete, el butea giara in tele buse
kalche om el skominthiea a fase la giornada ala tot (todt).

Se desedea anca le solve,
I osei i scominthiea a paciola,’
ma le thirighe no l’e’ era ancora rivade.

El piof inte……..bisogna nda’ sul kuert a sistema’ le skandole,
riva el Piero Duro con na koada de porthei.. tuti ghen ciol un.
Se sent un che osa… strathe..ossi..ferro vecio.. pei de conicio.
Passa el kromer da Lamon co la so kasela.. el se senta do inte kusina
.. parona cioleme kalcosa, no ve ocor gnent?… gusele, elastici ,rochet de fil, botoi
e nol kamina fin che no te konpra valk.

Stasera ndone a rane inte in Piane,?..mi cioe el restel … la lampada a carburo ciola ti.
El mastel dai kraut el ha quasi toca el font.
En fantolin el se neta el nas con na manega,
el pianth parche’ el sa sporca’ el betin inte la pacieka.

Passa Don Giuseppe a benedi’ le case, con doi daghet e na thesta per i vof, el ha ancora i grif.
Sui or de la Salthana l’e’ sponta’ le viole e le maradele, e su per le Mandre i fior de la rogna.
Al pustern le ancora calche macia de nef.
El sol el pasa sora al Poi, le giornade le se slonga e le ombrie le se scurta.
Siii…l’e’ riva’Paska !

Che bel…chel di’ el disna’ el era en cin meio, colombe e vof de cicolata no ghe naon mai vist,
ma sion deventadi grandi istes.

Attilio Pietrogiovanna Febbraio 2013








SPIRITI DELL'ARIA RIF. SCARPA 30/31-03-2013


HALF PAST 8 AL PARCO LAGHETTI 23/03/13







L'evento è anche su facebook