BLOG APERTO A TUTTI!!

"El Cor" - Foto di Danilo Benvegnu'' -

AGNER e DINTORNI , vuole essere uno spazio a disposizione di abitanti e frequentatori di questi luoghi.
Ovviamente questo vale anche per associazioni, amministratori locali e per tutti coloro abbiano da proporre tematiche inerenti l'Agordino.
E sopratutto vogliano promuovere tante lodevoli iniziative spesso note ai soli abitanti del paese in cui si svolgono!

Inviateci tramite e-mail il programma di quanto organizzate, con molto piacere, sarà inserito quanto prima su Agner & Dintorni..


domenica 14 novembre 2010

VAJONT 1963

La tragedia del 9 Ottobre 1963 vista da un addetto ai lavori che allora c'era.



Un interessantissimo libro sulla mai dimenticata tragedia che ha scosso l'Italia nel 1963, scritto in maniera impeccabile da Luigi Rivis, un Digomaner che ha vissuto in diretta questo  tragico evento.





Gli avvenimenti della vita mi hanno portato ad essere testimone diretto di alcuni fatti che precedettero e seguirono la catastrofe del 9 ottobre 1963, quando perirono quasi 2000 persone e. tra queste, alcuni amici e colleghi di lavoro dell' ENEL, tra cui il mio diretto superiore.
I fatti qui ricordati, anche se non hanno un valore rilevante, sono tuttavia dei micro tasselli che dovrebbero aiutare a completare una di quelle parti del mosaico della tragedia che, a mio giudizio ancora mancano.....






Questo libro si può trovare presso:
 -- Momenti "AICS" Editore
A.S.D. Intersum  Ergo Sum - VIa Vitttorio Veneto, 166 - 32100 Belluno
Email aicsbl@virgilio.it  tel/fax043733981 

di Voltago Agordino ( BL) 
Tel. +39/0437 669001

2 commenti:

  1. Il libro è anche in vendita da Angelo, al bar Stella Alpina di Voltago.
    Io l'ho trovato là.

    Nel 1963 lavoravo a Torino e ricordo ancora i titoloni su La Stampa e l'emozione per la disgrazia.
    A Torino, come seppi in quei giorni, un nutrito gruppo di persone di Longarone lavorava in una piccola azienda metalmeccanica. Il proprietario cessò l'attività per qualche giorno e affittò dei pullman per permettere ai suoi dipendenti di tornare al paese per verificare gli effetti del disastro.
    Saluti
    Giorgio

    RispondiElimina
  2. Grazie, Giorgio per la segnalazione.
    Rettifico il post. E aggiungo il nuovo punto vendita.

    Gran brava persona il torinese, chissà se anche oggi, tutti votati al massimo profitto e alle logiche di mercato... succederebbe la stessa cosa..
    Sani Luca

    RispondiElimina