BLOG APERTO A TUTTI!!

"El Cor" - Foto di Danilo Benvegnu'' -

AGNER e DINTORNI , vuole essere uno spazio a disposizione di abitanti e frequentatori di questi luoghi.
Ovviamente questo vale anche per associazioni, amministratori locali e per tutti coloro abbiano da proporre tematiche inerenti l'Agordino.
E sopratutto vogliano promuovere tante lodevoli iniziative spesso note ai soli abitanti del paese in cui si svolgono!

Inviateci tramite e-mail il programma di quanto organizzate, con molto piacere, sarà inserito quanto prima su Agner & Dintorni..


martedì 5 ottobre 2010

IL MONUMENTO DEI CADUTI DI RIVAMONTE AGORDINO


Nel 1922 il comitato pro caduti di Rivamonte incarica lo scultore Giacopini Giovanni di Pescantina di realizzare il monumento pro caduti a Rivamonte.
Il comitato chiese che fosse fatto di marmo di Val Policella con una statua di bronzo che rappresentava un fante che nella destra teneva un'arma e nella sinistra la vittoria alata.
Il monumento doveva essere collocato sul piazzale della chiesa e avere dodici scalini. I primi tre scalini del monumento furono ordinati allo scalpellino di Taibon Ben Vincenzo con ottima pietra della Valle di San Lucano, gli altri nove sarebbero dovuti essere realizzati in conformità al progetto dello scultore.
Il costo dell' opera (con il monumento però non più collocato in mezzo alla piazza e con un numero di scalini decisamente inferiore rispetto al progetto) fu di Lire 2.756,90. Il comitato finanziò l'opera con offerte ricevute dalla popolazione.
Fu poi organizzata una pesca per la raccolta fondi con materiale offerto dalla popolazione, tra il materiale c'erano: salami, fazzoletti di seta, orologi, bicchieri, galline, borsette, vasi di fiori, caffè, vestiti, statuine, cartoline e stoffa.
Vennero poi organizzati balli pubblici, con vendita di bevande.
Furono stampate cartoline raffiguranti l'inaugurazione e dei nastri.
Anche il comune diede un contributo.
Le offerte raccolte dal parroco Don Giovanni Ren durante
l'inaugurazione furono utilizzate per coprire i costi per la
realizzazione del monumento.

Tratto da: http://rivamonteagordino.blogspot.com/
Realizzato da G. Laveder ed Emilia Sommariva

Nessun commento:

Posta un commento