BLOG APERTO A TUTTI!!

"El Cor" - Foto di Danilo Benvegnu'' -

AGNER e DINTORNI , vuole essere uno spazio a disposizione di abitanti e frequentatori di questi luoghi.
Ovviamente questo vale anche per associazioni, amministratori locali e per tutti coloro abbiano da proporre tematiche inerenti l'Agordino.
E sopratutto vogliano promuovere tante lodevoli iniziative spesso note ai soli abitanti del paese in cui si svolgono!

Inviateci tramite e-mail il programma di quanto organizzate, con molto piacere, sarà inserito quanto prima su Agner & Dintorni..


domenica 22 luglio 2012

2012: l'invasione dei topi

di giorgio casera
Penso proprio che l’anno in corso sarà ricordato a lungo dai miei paesani di Voltago e del circondario (anche ad Agordo me ne hanno parlato preoccupati), e in particolare dai proprietari degli orti familiari, come l’anno del flagello dei topi. Questi simpatici (si fa per dire) animaletti, si, proprio i topolini di campagna (apodemus sylvaticus), con cui condividiamo il nostro territorio, si sono improvvisamente moltiplicati e così è aumentata la quantità di cibo necessaria per la loro sopravvivenza- Primo obiettivo sono dunque le colture degli orti e non si salva nulla che sia alla loro portata, in superficie o sottoterra (le patate sono particolarmente vulnerabili). Motivi del fenomeno? Il caldo? La scomparsa dei predatori? Al momento sono solo ipotesi. Forse più avanti si saprà qualcosa di più preciso. Rimedi immediati? Scartato l’impiego di veleni che potrebbero inquinare gli ortaggi, restano le tradizionali trappole con formaggio. Che si dimostrano piuttosto efficaci: una famiglia di miei congiunti ne ha preso finora più di 250 (sì, duecentocinquanta!). Ma basterà? Ho i miei dubbi, ma intanto la “caccia” continua (e con profitto!), in mancanza di alternative.

3 commenti:

  1. in effetti è vero dopo le pantegane che sono al governo e che si mangiano crudo e cotto, dopo i lecagn rossi, quest'anno si son aggiunti i topi e fan man bassa di tutto: tegoline, piselli, erbette rosse, patate....nulla scappa un disastro per l'orto ed ora si son messi a rosicchiare le radici del radicchio. trappole......ma andran pur bene ma un amico mi diceva che mentre falciava il prato con la falciatrice vedeva davanti tutto un correre....erano topi...chissà ve la ricordate la storia del pifferaio.....mi sa che è vera ...ora staremo a vedere, l'unico è prenderli come faceano una volta e mangiare polenta e oseiiiii.....ma questo solo i più vecchi possono ricordarlo. Saluti Cherubino

    RispondiElimina
  2. Bell'articolo Giorgio, mah.. sarei curioso di sentire qualche esperto sul perchè di questa invasione, mancanza di predatori? Sconvolgimenti climatici? Mah... chissà non si faccia vivo qualcuno a commentare,
    NB: ricordo che si può farlo anche senza essere registrati.

    RispondiElimina
  3. io avevo capito che si trattava di un piano di ripopolamento di rapaci e vipere ad opera della forestale... è una bufala?

    RispondiElimina